Dopo aver firmato il rogito per un bilocale nel centro storico, Antonio ritorna a casa da sua moglie Anna, dal piccolo Gino e dal gatto Mimì ed appende al portachiavi a parete del soggiorno anche questa filastrocca:

“La mia casa è fatta così:
Anna, Gino e il gatto Mimì.
Son quattro anni che a tutte le ore
ognuno di loro mi riempie d’amore.
.....
E se il costruttore venisse da me
per un baratto col palazzo del re
gli riderei in faccia e sapete perché
tra ville e palazzi il meglio che c’è
è avere una casa fatta proprio così
con Anna, Gino e il gatto Mimì.”